! Bisogno di aiuto? Scrivi pure, la registrazione è facoltativa.

#1di Luciano Diodoro - 4 Nov 2019 09:09:42

Luciano Diodoro
Ospite

Compensi all'Amministratore al netto di imposte

Buongiorno,
nel marzo 2016 fui nominato amministratore unico di una società in concordato con continuità aziendale, poi fallita nel 2018.
In sede di nomina l'assemblea stabilì un compenso mensile "al netto di imposte e tasse" ( come risulta dal libro verbali ).
Mesi fa il curatore mi ha liquidato i compensi detraendo la ritenuta d'acconto del 23% ignorando le mie rimostranze.
Successivamente mi ha inviato la Certificazione Unica relativa al compenso erogato.
Pensate che posso avere speranza di ottenere il maltolto ?
Grazie per l'attenzione prestata.
L.Diodoro

#2di StudioDuchemino - 12 Nov 2019 11:28:50

StudioDuchemino
Moderatore ufficiale Oscon
Da Torino
Registrato: 23 Mar 2014
Messaggi: 325
Sito web

Re: Compensi all'Amministratore al netto di imposte

Il problema nasce dall'equivoco che si crea quando si concorda il compenso. Il compenso, per non avere dubbi, dovrebbe essere sempre pattuito con frasi tipo "in tasca". Se pattuisco 100 e non aggiungo nulla, significa sempre con accessori. Però questo vuol dire che quando mi pagano, devono detrarre le tasse come sostituti di imposta. E' sempre meglio chiarirsi prima usando espressioni "soldi in tasca", "cifra in mano" o espressioni che tolgano ogni dubbio sul fatto che quello è l'importo da consegnare al netto di tutto. Se si usa l'espressione "al netto" non si ha certezza.


Avv. Stefano Duchemino

Studio Duchemino, studio legale a Torino.

Non in linea

Risposta rapida

Scrivere il messaggio e inviare
Anti spam

Non dimenticare la prima lettera maiuscola!

Piè di pagina

Powered by FluxBB