! Bisogno di aiuto? Scrivi pure, la registrazione è facoltativa.

#1di Mario69420 - 11 Jun 2021 11:09:22

Mario69420
Ospite

Clausola Risolutiva Espressa

Salve a tutti.
Utilizzo il contratto Oscon.
Sostanzialmente il Cliente si è impegnato a pagare 1200€/mese per un minimo di 3 mensilità.
Il Pagamento deve avvenire entro il 3 di ogni mese.
Il primo pagamento è avvenuto il 24 aprile.
Il secondo pagamento, stando al contratto, doveva avvenire entro il 3 maggio, ma siamo al 9 giugno ed il cliente ancora non ha pagato.

La clausola risolutiva espressa cita nelle condizioni per applicarla:

b) non provveda al pagamento di quanto previsto in questo contratto entro i termini previsti all'articolo n.3 del presente contratto

Nel caso decidessi di mandare la comunicazione al Cliente Inadempiente, questo è tenuto a pagarmi i restanti 2400€ oppure no?

Grazie

#2di glm2006ITALY - 11 Jun 2021 11:25:22

glm2006ITALY
Guru Osconiano - moderatore globale
Da Vercellese
Registrato: 22 Aug 2009
Messaggi: 1'625
Sito web

Re: Clausola Risolutiva Espressa

In che settore?
Delle volte  un po' di elasticità può servire a capire come va la situazione: magari il cliente ha solo dei ritardi (ed in questo periodo non sarebbe una novità).

Non in linea

#3di Conroya - 5 Aug 2021 15:54:48

Conroya
Apprendista Osconiano
Da Roma
Registrato: 5 Aug 2021
Messaggi: 6

Re: Clausola Risolutiva Espressa

Cosa dice il contratto?


Vivi senza rimpianti

Non in linea

#4di StudioDuchemino - 24 Aug 2021 11:20:40

StudioDuchemino
Moderatore ufficiale Oscon
Da Torino
Registrato: 23 Mar 2014
Messaggi: 341
Sito web

Re: Clausola Risolutiva Espressa

Come giustamente è stato detto, alle volte bisogna essere elastici. Nei contratti a prestazioni corrispettive (la prestazione di uno si giustifica con la prestazione dell'altro), per chiedere la risoluzione del contratto bisogna che l'inadempimento sia di non scarsa entità. Tuttavia, la clausola risolutiva elimina questo limite: se è stata prevista per il semplice pagamento omesso di una mensilità, il contratto può risolversi automaticamente. Se uno vuole essere rigoroso e formale può farlo, ma non può pretendere anche di farsi pagare i canoni successivi, considerato che il danno va dimostrato.


Avv. Stefano Duchemino

Studio Duchemino, studio legale a Torino.

Non in linea

#5di Conroya - 25 Aug 2021 12:40:22

Conroya
Apprendista Osconiano
Da Roma
Registrato: 5 Aug 2021
Messaggi: 6

Re: Clausola Risolutiva Espressa

Abbiamo avuto una situazione simile. Lavoro come installatore di apparecchiature video e abbiamo avuto un contratto per l'installazione di diverse videocamere. Mi ricordo che si trattava di videocamere intelligenti della società Ajax, mi piaceva molto come funzionano. Il cliente ha ritardato un po' il pagamento previsto dal contratto. Comunque dopo la chiamata del nostro avvocato il compenso è stato accreditato subito sul conto dell’azienda, direi nel giro di poche ore. Probabilmente, bisognerebbe informare i clienti sulle leggi prima di firmare il contratto.


Vivi senza rimpianti

Non in linea

#6di StudioDuchemino - 4 Oct 2021 11:40:37

StudioDuchemino
Moderatore ufficiale Oscon
Da Torino
Registrato: 23 Mar 2014
Messaggi: 341
Sito web

Re: Clausola Risolutiva Espressa

In generale, comunque, va detto che la clausola risolutiva espressa è una clausola "sulla carta". Inviando la raccomandata che la "attiva" non è detto che poi la controparte dia seguito agli effetti di questa risoluzione, per accertare i quali a questo punto deve intervenire una sentenza del Tribunale.
Per questo, solitamente si cerca di essere elastici: come è stato suggerito da altri, una semplice diffida ad adempiere può essere sufficiente a indurre il cliente al pagamento. Magari se n'è scordato, oppure non ha liquidità in quel momento e fa finta di nulla, sapendo che se non gli chiediamo il pagamento, può continuare a protrarre l'inadempimento.
In questi casi, ci si può rivolgere ad un avvocato, oppure semplicemente inviare una messa in mora, con l'avvertimento che si procederà in giudizio qualora il pagamento non arrivi.
Nei contratti di durata, la risoluzione del contratto non elimina le prestazioni già effettuate, altrimenti in linea teorica la risoluzione che interviene con effetti fin dall'inizio - nella maggior parte delle ipotesi - rischierebbe di creare una situazione assurda di dover restituire anche la prestazione già ricevuta. L'art. 1458 c.c. disciplina, infatti, gli effetti di una qualunque risoluzione, poi a livello interpretativo a seconda dei tipi di risoluzione si arriva a stabilire che essa ha efficacia dal giorno della risoluzione oppure fin dall'inizio, rimuovendo così il contratto dall'origine.


Avv. Stefano Duchemino

Studio Duchemino, studio legale a Torino.

Non in linea

Risposta rapida

Scrivere il messaggio e inviare
Anti spam

Non dimenticare la prima lettera maiuscola!

Piè di pagina

Powered by FluxBB