! Bisogno di aiuto? Scrivi pure, la registrazione è facoltativa.

#1di Elena82 - 1 Jan 2012 21:25:10

Elena82
Ospite

Libero professionista (estetista): la soluzione migliore?

Salve a tutti!

Vorrei chiedervi un consiglio sulla mia situazione, spero che mi possiate aiutare.

In pratica sono un'estetista, e vorrei cominciare a lavorare in proprio (a casa), offrendo servizi vari ai miei clienti. Avrei 1, massimo 2 clienti al giorno, per un fatturato annuo di <5000 euro. Considerando che non ho attualmente una partita IVA, cosa mi considerate nella mia situazione? Partita IVA o ricevuta per prestazioni occasionali?

Grazie mille in anticipo!

#2di Greta - 23 Jan 2012 22:34:29

Greta
Ospite

Re: Libero professionista (estetista): la soluzione migliore?

Ciao, sono un'estetista anch'io.
Ti fermo subito: il lavoro dell'estetista (come dovresti sapere anche tu) non può essere un lavoro ITINERANTE, ovvero, non puoi spostarti a casa dei clienti per lavorare, ma devi avere un POSTO FISSO in cui esercitare. In più, il posto fisso in cui lavori deve essere a NORMA DI LEGGE (es: ingresso indipendente, bagno, antibagno, bagno per disabili, pareti lavabili fino a 2 metri, stanza per la sterilizzazione ecc...).
Quindi, se tu avessi la possibilità (ovvero se tu avessi una casa abbastanza grande), potresti fare dei lavori di ristrutturazione in maniera da sottostare a tutte le norme in vigore. Praticamente doversti avere un centro estetico in casa tua.
In questo modo risparmieresti le spese di affitto di un fondo, ma allo stesso tempo non avresti la visibilità che hanno i negozi in strada, quindi non so quanto possa convenirti...
Purtroppo non c'è modo di mettersi in regola se vuoi lavorare come estetista con clienti privati. L'unica possibilità è di aprire un negozio.

[Edit sandro.oliva ... evitiamo questo genere di consigli ...]

Spero d'esserti stata utile.

Greta

Ultima modifica di sandro.oliva (26 Jan 2012 22:21:20)

#3di lena - 13 Feb 2012 23:27:02

lena
Passante
Registrato: 13 Feb 2012
Messaggi: 1

Re: Libero professionista (estetista): la soluzione migliore?

Si può smile , se fai prestazioni occasionali solo nei centri di estetica o dal parrucchiere ,
inquanto bisogna rispettare le norme igienico- sanitarie .

Non in linea

#4di sarah beauty - 2 Jun 2017 12:48:45

sarah beauty
Ospite

Re: Libero professionista (estetista): la soluzione migliore?

salve, vorrei avere delle informazioni ma soprattutto consigli in merito a un argomento fiscale . sono un' estetista ho lavorato per 4 anni come dipendente in un centro poi mi sono trasferita e l'anno scorso ho iniziato a lavorare presso un albergo i quali mi hanno dato la possibilità di esercitare il mio lavoro ma mi pagavano a percentuale   . quest'anno sono cambiati un po i titolari e uno di questi non so cosa precisamente vuole fare di me.

E mi sta pressando con la proposta di aprirmi una mini partita iva?
per favore qualcuno esperto/a può darmi delle informazioni al riguardo più dettagliate per capire se mi conviene o meno?
non saprei proprio!

#5di Iolanda - 10 May 2018 11:33:27

Iolanda
Ospite

Re: Libero professionista (estetista): la soluzione migliore?

Salve ho un mio centro estetico vorrei sapere se è possibile assumere una ragazza ma non come mia dipendente, ma facendole aprire la propria partita iva
Grazie

#6di StudioDuchemino - 10 May 2018 12:39:41

StudioDuchemino
Moderatore ufficiale Oscon
Da Torino
Registrato: 23 Mar 2014
Messaggi: 339
Sito web

Re: Libero professionista (estetista): la soluzione migliore?

Il contratto di lavoro autonomo (fiscalmente connotato da partita iva se con continuità) non implica alcun rapporto di dipendenza e subordinazione e non possiede i caratteri di continuità e regolarità tipici del lavoro subordinato. Dunque, è sempre possibile tutto, però bisogna ricordarsi che se ad un proprio collaboratore si richiede di lavorare con orari precisi, rispettando precise direttive, con formule di pagamento e modalità di gestione della prestazione lavorativa che sono tipiche del lavoro dipendente si rischia agevolamente una causa in tribunale per accertare il lavoro subordinato.


Avv. Stefano Duchemino

Studio Duchemino, studio legale a Torino.

Non in linea

Risposta rapida

Scrivere il messaggio e inviare
Anti spam

Non dimenticare la prima lettera maiuscola!

Piè di pagina

Powered by FluxBB